BUSTO #REVOLUTION

Nasce tra i banchi di scuola un progetto per valorizzare il parco Rimembranze.
I ragazzi lo chiamano “#BustoRevolution”, con l’hashtag, a sottolineare la natura innovativa e fresca di un progetto che ha lo scopo di rigenerare dal basso un parco, creato per commemorare i Caduti della Grande Guerra, oggi poco frequentato, nonostante la sua importanza storica e naturalistica.
Una volta esplorate le potenzialità del parco e le esigenze della cittadinanza, le professoresse Caterina Stefanazzi dell’Istituto Verri e Cristina Colombo dell’Istituto De Amicis con i loro studenti hanno presentato all’Amministrazione alcune proposte di riqualificazione, come la sostituzione degli arredi e la realizzazione di interventi volti a valorizzare la memoria storica e botanica del parco.
Il Comune ha accolto le proposte: sabato 4 giugno alle 12:00 la cittadinanza è invitata al parco per la presentazione del progetto, cui seguirà un picnic collettivo ecosostenibile che radunerà i residenti di tutte le età e riserverà piacevoli sorprese. Nell’occasione sarà anche scoperta una targa dedicata al Milite Ignoto in occasione del centenario della traslazione all’altare della Patria, donata dalle Associazioni d’Arma, e saranno piantati due alberi in memoria dei Caduti della Prima guerra mondiale.
Oggi la presentazione con il sindaco Emanuele Antonelli, la presidente del consiglio Laura Rogora e l’assessore alle Politiche educative Cinzia Daniela Cerana, che hanno ringraziato i giovani e le insegnanti per l’impegno con cui hanno portato avanti un progetto di valore educativo, culturale e sociale. Presenti anche Alessandro Critelli, promotore dell’iniziativa, e i rappresentanti delle associazioni d’arma.
“Dopo un lungo lavoro fatto a scuola, il progetto si cala nella realtà, questo è molto importante dal punto di vista educativo – ha osservato l’assessore Cerana -, la presa in carico di un parco, soprattutto di questo parco che ha un valore storico e merita rispetto per la memoria che custodisce, da parte dei giovani è una sfida stimolante, rappresenta un esempio per i coetanei e fa nascere un senso di appartenenza”.
“Questo progetto è la dimostrazione che avvicinare i giovani all’interesse pubblico è possibile – ha continuato Rogora, che ha anche portato i saluti del consigliere delegato al Verde Orazio Tallarida –; i giovani sono il nostro futuro se si interessano alla cosa pubblica possiamo ben sperare in un futuro migliore”.
Vota l’evento 1 Stella2 Stelle3 Stelle4 Stelle5 Stelle (Non ancora votato)
Loading...