Icone bizantine e arte moderna in dialogo

Mostra di icone e opere di arte moderna

Sabato 20 gennaio alle ore 18.00 a Palazzo Cicogna sarà inaugurata la mostra dal titolo “Icone bizantine e arte moderna in dialogo” promossa dall’Associazione di iconografia cristiana San Giuseppe con il patrocinio e in collaborazione con il Comune di Busto Arsizio.

La mostra si propone come ideale seguito della precedente esposizione tenutasi a Palazzo Cicogna nel 2013/2014 ,“Icona, ponte tra Oriente e Occidente”, in cui erano state messe a confronto opere di arte sacra delle Civiche Raccolte con le icone bizantine. Questo nuovo dialogo tra opere – le icone verranno messe a confronto con alcune opere di arte contemporanea del museo – mostrerà come ciò che accomuna maggiormente queste due forme artistiche sia l’aspetto simbolico.

Saranno esposte opere della collezione permanente di Palazzo Cicogna, ma anche due opere gentilmente concesse per l’occasione da artisti che hanno partecipato all’ultima edizione di “Uno spazio per l’arte”, “Ascensione” di Mario Lanzione e “La culla” di Maria Rita Fedeli ed Enzo Capozza.

L’obiettivo dell’associazione di iconografia cristiana San Giuseppe è quello di diffondere la cultura dell’icona e farne conoscere l’essenza stessa e di sottolineare che le icone non sono condizionate dall’aspetto estetico e formale, ma esclusivamente da quello teologico, simbolico e spirituale.

Come scrive l’associazione: “L’arte religiosa, nel tempo promulgatrice di bellezza, sta attraversando, in Occidente, un momento di involuzione a causa della difficoltà ad esprimere la sacralità con gli attuali linguaggi artistici e per la progressiva laicizzazione della società. L’espressione artistica dell’Oriente cristiano invece, legata alla ormai più che millenaria tradizione greco-bizantina, appare vitale ed è un mezzo comunicativo dal profondo significato teologico, anche se ancorato ai canoni del Concilio di Nicea del 787. Gli artisti moderni, che desiderano comunque contribuire con le loro opere alla vita della chiesa, sperimentano il linguaggio dell’astrazione considerandolo più adatto a esprimere il concetto del mistero”.

La mostra rimarrà in calendario fino al 4 febbraio secondo i consueti orari del museo:

da martedì a giovedì 14.30 – 18.00; venerdì 9.30 – 13.00 e 14.30 – 18.00; sabato 14.30 – 18.30; domenica 15.00 – 18.30.

 

Per informazioni:

Ufficio musei

0331 390352/1 oppure 0331 635505

museibusto@comune.bustoarsizio.va.it

 

Vota l’evento 1 Stella2 Stelle3 Stelle4 Stelle5 Stelle (Non ancora votato)
Loading...