Sguardi e pensieri sull’accoglienza

Affi - DARSI
Hai mai pensato di dedicare il tuo tempo e le tue risorse educative a un minore o a una famiglia in difficoltà?
Lunedì 27 maggio alle 18.00 presso la sala dell’oratorio San Luigi (via Miani) è in programma “Sguardi e pensieri sull’accoglienza”, un incontro informativo sulla tematica dell’affido familiare.
L’incontro rientra nell’ambito del progetto Affi-DARSI, promosso dall’Amministrazione comunale in collaborazione con la cooperativa Proges, per implementare le reti solidali tra famiglie e individuare famiglie o singoli cittadini disponibili a intraprendere un percorso di affido familiare a sostegno di minori e famiglie in difficoltà.
Sono diverse le modalità con cui è possibile offrire la propria disponibilità, tendendo presente, in primis, che si tratta di situazioni temporanee che occorre saper gestire con maturità e capacità di amare, educare, supportare, e con la consapevolezza che non sarà un percorso facile.
In particolare:
– l’affido familiare è una forma di solidarietà e di intervento che permette ad un minore proveniente da una famiglia in temporanea difficoltà di trovare accoglienza presso una famiglia che, dopo essere stata adeguatamente formata, possa sostenerlo/a nel percorso di crescita e di sviluppo. L’affido può prevedere anche forme di sostegno “leggero”, per poche ore settimanali o per i week end. Nel frattempo, la famiglia d’origine viene supportata e seguita dai Servizi territoriali per sostenerla nel pieno recupero delle capacità genitoriali.
– l’affiancamento famiglia con famiglia/vicinanza solidale invece prevede che una famiglia solidale sostenga e aiuti una famiglia in temporanea difficoltà. Si tratta di un intervento spesso preventivo e basato su aiuti di tipo solidale che coinvolge anche le associazioni del territorio.
Chi si può candidare?
Possono candidarsi single, coppie, famiglie, coniugati e non. Non ci sono limiti legati all’età, all’orientamento sessuale o alla religione/etnia. Ogni progetto è personalizzato e “sartoriale”, creato cioè su misura e sulle esigenze del minore e della famiglia affidataria o affiancante.
Ogni percorso sarà seguito dall’équipe della Cooperativa e dei Servizi sociali.
Chi contattare per saperne di più?
È possibile scrivere a questa mail: servizioaffidi@comune.bustoarsizio.va.it
Vota l’evento 1 Stella2 Stelle3 Stelle4 Stelle5 Stelle (Non ancora votato)
Loading...